Yahoo ha siglato un accordo con Adobe per l’inserimento di annunci pubblicitari dinamici all’interno dei file PDF.

ads-for-adobe-pdf-powered-by-yahoo.PNG

La novità nel settore del web marketing porta il nome di Yahoo e Adobe per la nascita di una nuova forma di pubblicità online basata sul pay-per-click all’interno dei documenti PDF.

Il nuovo servizio, ancora in versione beta e solo per il mercato d’oltreoceano almeno per il momento, è chiamato Ads for Adobe PDF Powered by Yahoo. E’ stato voluto da Yahoo per recuperare spazio all’interno della pubblicità online ai danni dei colossi Google e Microsoft.

Todd Teresi, senior vice president di Yahoo Publisher Network, parla di un progetto a lungo termine finalizzato ad “un gruppo imponente di editori che coinvolgerà qualsiasi realtà, dalla potente media company alla singola scuola”.

L’idea è semplicissima e tende ad utilizzare per scopi pubblicitari i 300 milioni di documenti di file PDF che sono presenti in rete.
All’interno dei documenti PDF verranno visualizzati annunci pubblicitari in formato testuale (per ora non sono previsti banner) in relazione alle keywords presenti nel testo e scelte dall’inserzionista per la sua campagna.

La caratteristica di questi annunci sarà la loro dinamicità.
Il servizio non prevede costi ed è stato previsto anche il riaggiornamento dei vecchi PDF che avevano al loro interno solo pubblicità “statica” .

Il funzionamento è estremamente semplice.
Si inserisce il file PDF all’interno del portale Adobe/Yahoo, il testo viene analizzato e in base alle tematiche e alle keywords rintracciate verranno inseriti degli annunci in un pannello sul lato destro del testo.
A questo punto il file contenente gli annunci verrà spedito al suo “proprietario” che potrà distribuirlo online ed essere scaricato dagli utenti o arrivare per posta elettronica.
Nel momento in cui gli utenti online aprono il file gli annunci pubblicitari saranno aggiornati in tempo reale, altrimenti se saranno off line saranno visibili quelli pre-caricati.
Gli inserzionisti otterranno guadagni grazie ai click ricevuti, proventi che verranno divisi anche con Yahoo e Adobe.

Gli annunci sono attivati a rotazione affinchè si visualizzino più ads durante la lettura del documento e per evitare che l’utente veda sempre lo stesso annuncio.
Gli ads scompaiono nel momento in cui si stampa il documento.

La novità di questa nuova opportunità di marketing è il fatto che la pubblicità si sposta al di fuori dei “classici” documenti HTML e che Google questa volta non è riuscito a primeggiare nella rete in quanto Adobe ha preferito la partnership di Yahoo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento