Per conquistarsi un numero più alto di utenti che usano i motori di ricerca, Microsoft annuncia novità per il suo Live Search.
I dati attuali sul numero di utenti che utilizzano i motori danno come risultati Google al 64%, Yahoo al 23 %, MSN-Live Search al 8% secondo i dati di Hitwise e Google al 54 %, Yahoo 20%, MSN-Live Search al 13% secondo i dati di Nielsen/Net Ratings.

Microsoft non può rimanere a guardare la situazione attuale, e grazie a nuove risorse economiche dopo l’acquisizione di aQuantive, cerca di investire ancora di più sulla ricerca lanciando sul mercato dei motori delle sostanziali novità per Live Search.

Il cambiamento più evidente è dato da un aumento del 400% di pagine indicizzate. All’aumento dell’indice si accompagna un miglioramento dell’algoritmo di composizione delle SERP, un cambio nell’interfaccia per gli utenti e una migliore capacità di interpretazione per le query di ricerca.

Il sistema di ricerca non è l’unico cambiamento per Live Search ma vengono introdotte novità su livelli “verticali”:

intrattenimento – immagini e filmati, soprattutto verso i nomi prestigiosi delle celebrità che rappresentano le query più usuali nei motori d ricerca
shopping – miglioramenti grafici che facilitano la ricerca di oggetti con un accesso diretto ai negozi di e-commerce
salute – si concretizza la realizzazione di una sezione “health” che era già in previsione con l’acquisto di Medstory e con la produzione dell’ Healt Solutions Group
ricerca locale – maggiore attenzione ai termini di ricerca su base locale

Tra i servizi un nuovo traduttore, che da la possibilità all’utente di tradurre sia parti di testo copiato che intere pagine web, e in versione beta viene anche presentato il servizio per le sitemaps e i tools per i SEO.
Allen Wiener, analista alla Gartner, spiega gli obiettivi della Microsoft “…Non crediamo che domani al nostro risveglio avremo superato Google, ora, Microsoft vuole posizionarsi più stabilmente con gli utenti che ha già”

Gli utenti sperano che tali parole siano concrete e che Live Search si discosti dal fare l’imitazione di Google, a partire dalla veste grafica che per ora sembra ricalcare troppo quella del motore creato da Page e Brin.

live search.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento