MATRICI DI LINK E POPOLARITA’ – COMPRAVENDITA LINK PER AUMENTARE PAGERANK E TRUSTRANK


MATRICI DI LINK

La migliore matrice di link è ovviamente quella che in modo naturale cresce con equilibrio nel tempo, in quanto sviluppatasi attraverso link spontanei e da siti, blog, social, ecc differenti. Sono comunque evidenti alcune differenze tra i vari motori, Msn e Yahoo ad esempio non danno importanza alla provenienza dei link, ad eccezione del trustrank soprattutto in Yahoo e della tematicità della pagina da cui proviene l’ inbound link per Msn (quindi è consigliabile acquistare 90 % di link da siti di medio o basso valore così da averne molti con una bassa spesa ed eventualmente un 10% da siti che hanno un alto trustrank senza preoccuparsi della tematicità da cui provengono.
È importante ricordare che se il numero di link acquistati è alto bisognerebbe attivarli in modo graduale nel tempo senza usare la stessa anchor text per tutti). Google ha delle caratteristiche totalmente differenti per ciò che riguarda l’attribuzione di buona qualità per i link.
Le caratteristiche che Google prende in rassegna sono relative al Trustrank, alla tematicità della pagina da cui proviene l’inbound link, alla lingua del sito, all’anzianità del link, alla differenziazione dei domini da cui provengono i link e infine dalla redistribuzione delle classi Ip dei siti che ci linkano. Quindi nel caso si acquistino link è preferibile farlo su siti che hanno un pagerank o trustrank medio o basso ma a tema con la pagina web piuttosto che con un pagerank o trustrank alto ma non a tema.
Per ogni motore di ricerca va comunque consigliato l’acquisto di almeno un link da siti che hanno un alto pagerank o trustrank perché aumenta la frequenza del passaggio degli spider nel sito, di non effettuare spese eccessive su link da siti con pagerank alto ma preferibilmente con lo stesso budget acquistarne molti di più da siti con pagerank medio, e di preferire siti che mettano link poco visibili o da pagine interne per evitare “possibili” penalizzazioni future.


ACQUISTARE LINK

Per l’acquisto di link si dovrebbero seguire degli accorgimenti per fare in modo che Google consideri tali link come un qualcosa che si è sviluppato “naturalmente”. Bisognerebbe acquistare hosting su di Ip differenti e redistribuire su esse i domini in modo equo, fare in modo che gli inboud link provengano non solo dagli stessi siti ma che abbiano una distribuzione differenziata, che i link non puntino unicamente all’home page ma anche alle sottopagine del sito, evitare scambi di link reciproci (in particolar modo quelli diretti), evitare scambi di link circolari se non al di sopra di 5 siti, e infine che il link provenga da pagine a tema con la pagina linkata (si era visto con il test precedente che è preferibile avere pochi link ma molto tematizzati).


FUNZIONAMENTO DELL’ACQUISTO DEI LINK

Acquistare link è una cosa estremamente semplice e molto proficua. Ci sono dei siti che offrono a pagamento il servizio di inserire un link (spesso testuale) e di deciderne l’anchor text. La pubblicazione avviene a seconda dei casi su una o più pagine interne. Bisogna ricordare che si possono “sfruttare” anche siti che offrono gratuitamente scambi di link reciproci ma non danno risultati su Google e risultano scarsi in Yahoo e Msn.
Google tende a voler ostacolare la vendita di link, invitando addirittura a segnalare chi utilizza tale servizio, ma nell’immediato futuro questa tecnica di far aumentare il pagerank e trustrank è ancora molto efficace.


VALUTAZIONE DEI SITI CHE VENDONO LINK

Per valutare il sito da cui si acquisterà il link non è sufficiente conoscere il pagerank (vedi motivazioni espresse precedentemente), vanno quindi analizzati altri fattori. È fondamentale sapere se il link provioene da siti di domini autorevoli in quanto danno una garanzia per il trustrank, ancor meglio da domini .edu o .gov, che i links siano redistribuiti da più domini e classi Ip differenti in quanto google controlla la crescita “naturale” dei link, che il numero di inbound links non sia alto per pagina e che non provengano da pagine con “bassa” qualità evitando quelle pornografiche, pharmacy o di siti bannati (per non incorrere nel badrank), che siano il più possibile a tema con la pagina che andrà a linkare, che il sito da cui acquistiamo il link abbia un dominio “anziano”, che la pagina abbia un alto volume di traffico.
Tutti questi fattori li si possono conoscere attraverso l’URL della pagina in cui verrà inserito il link.

SITI PER L’ACQUISTO DI LINK

Text link ads
Text link brokers
LinkAdage
Sitepoint
Digital point solution
GotLinks
Online Marketing Today
Text Link Popularity
BackLinks
Ebay

DIRECTORY PER L’ACQUISTO DI LINK

Directory Gratuite:
Web Directories
Directory a Pagamento:
Ventedoy

Oltre agli acquisti di link su directory, in rete si possono acquistare anche post. È una tecnica molto utile in quanto i siti che offrono tale servizi sono molto tematici e il link viene inserito in un commento facendolo sembrare molto “naturale”, inoltre le recensioni possono far aumentare il traffico. Gli svantaggi riguardano il fatto che il dominio sparisca o che il post possa perdere trustrank nel tempo in quanto può finire in archivio.
I punti su cui dovremmo porre attenzione nei casi in cui si voglia acquistare link in un post dovrebbero essere quindi che non si tratti di un sito web bannato (facilmente riscontrabile se si fa un ricerca con site:www.sito.com sui motori di ricerca), che non si tratti di un “fake pagerank”e cioè che il sito dimostri un pagerank che non corrisponde al suo valore esatto, e che possa incorrere in eventuali penalizzazioni.

SITI DOVE ACQUISTARE POST

Text Link Ads
ReviewMe
Pay Per Post
Contextual link

Un ultimo campo dove è possibile operare per aumentare il pagerank o trustrank è dato dal “link baiting”, si tratterebbero di operazioni che hanno lo scopo di inserire commenti su vari blog, forum , community, ecc… anche in questo caso bisognerebbe porre attenzione al fatto che debbano avere un trustrank o pagerank medio alto, che il link non abbia il “no follow” (altrimenti il link inserito non sarebbe seguito, a riguardo si può fare un controllo usando la toolbar predisposta per i SEO su Firefox e attivando “highlight rel nofollow” (per approfondimenti si può leggere questo articolo: http://blog.achille.name/motori-di-ricerca/i-principali-motori-di-ricerca-ed-il-tag-relnofollow/ ) e che il link non debba puntare a script / redirect o pagine interne. Per operare in questo caso nel modo migliore sarebbe di cercare pagine web di post che siano già indicizzati con le keywords su cui vogliamo puntare, che siano blog con un alto traffico e già noti in rete, (per il pagerank o trustrank), ed effettuare una ricerca link su yahoo per controllare se le aziende competitor usano la nostra stessa tecnica ed eventualmente scoprire su quali blog stiano usando per far questo.
l’accortezza che si dovrebbe avere per tale tecnica è di scrivere dei commenti che non necessariamente debbano essere lunghi ma che sembrino “reali” e “credibili” e che nell’anchor text che andremmo ad inserire sia presente preferibilmente solo il nome o al massimo dei termini che non siano troppo forzati, e infine che abbia all’interno del messaggio dei riferimenti ad altri commenti o siano essi stessi dei commenti ad altri, sempre per farli apparire più “naturali” possibili.
Sull’uso di tale tecnica ci sono opinioni discordanti in quanto se da un lato ha la sua efficacia puo’ comunque essere ritenuta poco “etica” in quanto si tende ad usare blog, forum o community “sfruttate” per scopi diversi rispetto al concetto per cui sono in rete.

3 commenti
  1. Elisa Gagliardi
    Elisa Gagliardi dice:

    Ciao Dennis, comprare link per aumentare rapidamente la link popularity del proprio sito è un’operazione rischiosa, Google tende a penalizzare i siti che lo fanno. Tuttavia, se le interessa provare, le consigliamo di rivolgersi a directory come questa e di preferire quelle con categorie e argomenti affini a quello del suo sito.

  2. Massimo Selva
    Massimo Selva dice:

    Vuoi promuovere un sito in Italia con una mail .ru , inoltre fai una domanda banale sperando di mettere un paio di link al tuo sito aggratis senza nemmeno accorgerti che hanno il nofollow pertanto hai solo perso tempo.

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento