campagna marketing #NofilterJustRayBan

Il nuovo Instagram? Ce l’ha Ray-ban

Advertising
di in Advertising il 10 Ottobre 2013

 

La famosa casa produttrice di occhiali Ray-Ban decide di lanciarsi in una nuova esperienza di unconventional marketing tutt’altro che che banale e scontata. E per far conoscere i suoi nuovi prodotti pensa bene di unire in maniera strategica vecchi e nuovi strumenti di marketing, in modo tale da attirare l’attenzione dei consumatori a tutto tondo: così nasce #NoFilterJustRayBan. Vediamo di cosa si tratta.  Per evidenziare il lancio della nuova collezione di sunglasses, Ray-Ban ha deciso di non limitarsi alla semplice presentazione dei nuovi modelli di occhiali da sole ma di farli “indossare” direttamente alla gente e di farli “condividere” attraverso uno dei più celebri social network del momento, Instagram.

L’idea, nata e sviluppatasi in Belgio, infatti, prevede di far provare letteralmente ai consumatori la sensazione che si proverebbe indossando le nuove lenti e i nuovi occhiali (per farlo però non si è potuto creare degli occhiali formato gigante e per questo si è pensato di sostituire i vetri e i finestrini dei mezzi pubblici con altri di colore identico alle nuove lenti firmate Ray-Ban) per poi condividere con il resto del mondo questa sensazione, scattando una foto da pubblicare su Instagram, da usare però senza alcun filtro, perchè devono bastare i 9 che Ray-Ban ha messo a disposizione del proprio pubblico.

Così è nata la campagna #NoFilterJustRayBan, il cui hashtag suggerisce anche come Ray-Ban abbia pensato veramente in grande, al punto da volersi sostituire ai filtri di un social network come Instagram, visti non tanto come strumento fotografico bensì come veri e propri mezzi per osservare il mondo che ci circonda.

Il messaggio che Ray-Ban vuole, infatti, far trapelare sembrerebbe:

Vuoi vedere il mondo da un’altra prospettiva? Non ti servono chissà quali strumenti tecnologici: ti basta un nuovo paio di occhiali. 

E a me pare che l’impresa sia riuscita. Voi cosa ne pensate?

Lascia un commento