google plus post perfetto

Google plus e le regole da seguire per il post perfetto

Google Plus
Social
di in Google Plus, Social il 21 Febbraio 2014

 

Per quanto possa sembrare sempre qualche passo indietro rispetto agli altri importanti social network, Google Plus non smette di rivestire un ruolo di fondamentale importanza all’interno del panorama dei social media. Pertanto vediamo di capire come poter ottenere i risultati migliori anche all’interno di questa piattaforma. 

Esattamente come per gli altri social network alcuni aspetti dell’articolo rivestono un’importanza significativa: titolo e sottotitolo, ad esempio, vanno curati con estrema cura. Ma nel caso di Google Plus questo non basta.

Quando si condividono i contenuti con gli altri utenti è opportuno prestare la giusta attenzione a tutte le opportunità che Google Plus offre, cominciando con la sezione dedicata ai temi caldi, dove è possibile osservare quali sono i trend topic del momento. Oltre a questo è fondamentale ricordare che al titolo si possono aggiungere ulteriori elementi come i tag o gli hashtag che aumentano la portata virale del nostro post, specialmente se si riferisce a tematiche, avvenimenti o soggetti/prodotti/aziende specifiche.

Ma veniamo ora al vero punto vincente di Google +: le immagini e la multimedialità.

Non solo il social network ha basato fin dalle origini tutta la sua identità sul mondo della fotografia e su tutto ciò che la circonda ma sono anche i dati a dimostrare quanto le immagini rappresentino elementi discriminanti in termini di maggiore diffusione e apprezzamento dei contenuti postati all’interno del social network: post corredati da fotografie accattivanti ottengono, infatti, più del 9,4% di +1 mentre con i video addirittura +del 29%.

Le foto, che vanno aggiunte assieme agli eventuali link che rimandano a contenuti esterni, sono molto importanti non solo perchè attirano di più l’attenzione e portano ad un maggiore coinvolgimento degli utenti ma anche perchè recentemente Google Plus sta pensando di implementare nuovi strumenti di analisi che consentiranno di osservare anche quante persone hanno visualizzato o cliccato la foto (e si presuppone che almeno una parte di questi abbiano anche letto l’articolo a cui la foto rimanda). Già adesso è possibile conteggiare il numero di visualizzazioni all’interno del portale Picasa, dove vengono caricate automaticamente tutte le immagini condivise all’interno del social network, grazie ai vari dettagli che Google+ mette a disposizione.

Infine ricordiamo gli ultimi due punti vincenti di un post perfetto:

  • La presenza di call-to-action chiare, adeguate ed efficaci, capaci di aumentare esponenzialmente le interazioni con i lettori e, di conseguenza, anche la diffusione dei nostri contenuti;
  • La scelta dell’orario di pubblicazione che, per Google Plus, si identifica come ottimale tra le 9-11 del mattino mentre sono da evitare le condivisioni dopo le 18.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *