adidas marketing

Il marketing non convenzionale insegnato da Adidas

Advertising
di in Advertising il 6 Giugno 2014

 

Verrebbe da dire che ormai non si sa più cosa inventare per vendere, ma non è questa la ragione che sta alla base del marketing non convenzionale. La creatività, infatti, che porta le imprese, dalle più piccole alle grandi multinazionali, a mettere a frutto campagne pubblicitarie originali e innovative non è fine a se stessa ma anzi, rappresenta il motore del marketing del nostro secolo. 

Se in epoche precedenti, bastava stanziare piccole o grandi somme per raggiungere i risultati sperati oggi, nell’era del informazione costante e (a volte) perfino ridondante, è quanto mai importante imparare a lasciare il segno e ad impressionare i gusti e le menti dei consumatori.

Sono soprattutto i grandi brand, che hanno una maggiore disponibilità di risorse e di giovani talenti a mettere a frutto questa importante qualità, e spesso non abbiamo tralasciato di parlarne nemmeno noi.

Anche in questo occasione è proprio un grande marchio come Adidas a costituire il caso di studio a partire dal quale possiamo trarre importanti suggerimenti e spunti di riflessione, per provare eventualmente a mettere a frutto strategie simili per promuovere la nostra attività.

L’azienda tedesca, famosa per le scarpe che produce e conosciuta in tutto il mondo grazie al celebre logo, ha deciso di costruire una vera e propria scatola da scarpe di dimensioni “umane”, in tutto e per tutto uguale a quelle che quotidianamente i suoi clienti sono abituati a vedere, capace perfino di regalare agli ignari passanti la calzatura sinistra di diverse tipologie di prodotti realizzati da Adidas.

Lo scopo della campagna non convenzionale era legato al lancio del nuovo store all’interno del grande supermercato della città: i fortunati che ricevevano dalla scatola magica una scarpa sinistra potevano andare a ritirare gratuitamente la destra all’interno del negozio.

adidas marketing 2

Vediamo allora il video dell’iniziativa che si è svolta a Melbourne qualche mese fa.

Sicuramente questo rappresenta un caso ben riuscito anche se particolarmente costoso in termini di risorse economiche ed umane da investire, ma può rappresentare un efficace esempio al quale ispirarsi per provare a mettere a segno strategie promozionali simili, anche su scala minore.

Lascia un commento