trust like

A quanto pare, dai dati emersi da un ricerca di The Trust Factor, le recensioni rispetto a prodotti e servizi offerti dalla propria azienda, risultano essere molto più fruttuose in confronto ai likes sulla pagina Facebook.

In particolare il campione analizzato, composto da 1500 americani maggiorenni e utilizzatori della rete, ha ammesso per il 50% di preferire e di dare più credibilità alle recensioni dei consumatori nei riguardi di un’azienda e di ciò che offre, rispetto ai “mi piace” dei feisbookiani, prediletti solo dal 26% degli intervistati.

Ma il vero elemento sensazionale, testimoniato dal report, è rappresentato dal fatto che lo stesso 50% che dice di privilegiare le recensioni ai like è convinto che siano importanti tanto i commenti positivi quanto, e forse soprattutto, quelli negativi che, sebbene non giovino direttamente all’azienda, comprovano tutta la sua trasparenza e chiarezza nei confronti dei consumatori, dal momento che  dimostrano di non ostacolare la libera espressione dei clienti.

Probabilmente questa diversificazione può essere dovuta al fatto che le recensioni sono sempre frutto di impegno e di grande generosità da parte del cliente che, liberamente, sceglie di utilizzare parte del suo tempo a spiegare perché ha scelto di affidarsi a quella determinata azienda e per analizzare il rapporto che ha intrattenuto con essa.

Un “mi piace” invece è molto più frettoloso, richiede meno partecipazione e per questo può anche solo esser dovuto al caso o a momenti sporadici di entusiasmo per aver trovato qualcosa che piace, che si desidererebbe acquistare o che semplicemente ha riportato alla mente qualche ricordo. La volubilità e la poca chiarezza dei like determina quindi una maggiore indeterminatezza nei confronti dei pensieri che i consumatori hanno su un marchio o su un prodotto perciò, dal punto di vista degli imprenditori ma anche dei clienti, può essere meno efficace.

In realtà, a mio riguardo, la soluzione non si trova né nel utilizzo esclusivo di uno strumento, né dell’altro, ma in una corretta combinazione d’uso di entrambi: avere una buona recensione, per quanto positiva e entusiastica possa essere, non porta a nulla se poi non si ha il giusto numero dimi piace” sulla pagina Facebook, che testimoniano l’affidabilità del prodotto o del marchio anche tra i social users e che restituiscono un impatto, sull’immagine, molto forte. Viceversa, per quanti like si possono avere sulla fan page, se all’interno del web non è possibile rintracciare commenti positivi da parte dei consumatori, l’azienda, e ciò che produce, appaiono assolutamente sconosciuti, privi di clientela e quindi assolutamente poco credibili sul mercato.

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento