guest blogging

Nonostante questo possa non risultare ad un occhio inesperto, la pratica di far ospitare propri contenuti da siti e blog altrui è un potente strumento di web marketing e promozione, e vi spieghiamo perché. 

Pubblicando un nostro articolo su un altro sito, raggiungeremo il suo pubblico ampliando la nostra visibilità.
Intrecceremo nuove relazioni, a partire dagli autori del sito in questione. Con tutta probabilità otterremo a nostra volta un contenuto da uno di loro, avendo così a questo punto due articoli associati a noi pur avendone scritto solo uno.
Inoltre avremo chiaramente un link che porta dal sito che ci ospita al nostro, e viceversa quando saremo noi ad accogliere un testo altrui, e sappiamo bene che ciò ci avvantaggia in termini di autorità.
In sostanza, il SEO si fonda tutto su buoni contenuti e altrettanto buoni link; i social media su delle reali connessioni con le persone. Il Guest Blogging fornisce entrambe le cose in un colpo solo.

Per offrire un contributo (e far sì che venga accettato), possiamo applicare le normali regole di scrittura, con qualche attenzione particolare:
– Fare una ricerca preliminare sul blog che ci pubblicherà: capire come funziona, chi è la personalità più influente, che tipo di contenuto è permesso e in che forma.
– Fare del proprio meglio affinché il proprio post sia informativo, dettagliato e dallo stile personale.
Solo così potremo emergere rispetto a tutti gli altri collaboratori.
– Nessuno è immune dalle distrazioni: rileggere sempre e più volte per essere sicuri di non lasciare errori o imprecisioni che poi non sarà possibile correggere.
– Invece di proporsi prima di scrivere, può essere una buona idea presentarsi inviando direttamente il testo. Fa risparmiare tempo a chi dovrà valutare l’offerta, che potrà così anche evitare di accettare a scatola chiusa salvo poi dover rifiutare il contributo se non è all’altezza delle aspettative. In ogni caso, siate sempre cordiali ed educati negli approcci.
Interagire il più possibile con i lettori nella sezione commenti, per far capire che si è realmente interessati a loro e non solo ai link, al traffico o alla visibilità.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento