Immagine4

Google ha deciso di non mollare la presa nella rincorsa al primo posto sul podio dei potenti e popolari social network: questa volta però ha pensato in grande, rivoluzionando l’intero panorama made by BigG, così da rivalutare tutta l’offerta che la casa di Mountain View ha intenzione di proporre ai propri -fortunati- utenti. 

Dalla Google I/O 2013, conferenza tenutasi pochi giorni fa a San Francisco, sono infatti emerse importanti ed entusiasmanti novità che andranno a caratterizzare tutti i diversi prodotti e le differenti piattaforme di Google. Ben 41 sono i nuovi tool, che l’azienda a capo del motore di ricerca più famoso del mondo, ha deciso di portare sul mercato: tra le tante nuove features, come le mappe molto più personalizzabili e interattive, il nuovo sistema di comunicazione istantanea, la nuova versione del Play store, la creazione del nuovo Music All Access, spicca però in modo evidente la volontà di rendere Google sempre più in linea e in sintonia con Google Plus.

Lo stesso Gundotra, vicepresidente senior dell’azienda di Mountain View, ha infatti dichiarato:

Tutti questi servizi speciali messi insieme portano più Google dentro a Google  Plus, offrendo alla gente motivazioni più forti per entrare nel social network

E’ proprio Google plus, infatti, ad aver subito la stragrande maggioranza delle trasformazioni, da una parte proprio con l’intento di attrarre nuovi utenti per aumentarne il numero e l’utilizzo, dall’altro per migliorare ulteriormente i servizi offerti ai fedelissimi di BigG e del suo social network.

Il nuovo layout, che si dimostra rinnovato persino nel font utilizzato, fin dai primi passi è decisamente molto più flessibile, personalizzabile, dinamico, e innanzitutto altamente semplice e facilmente fruibile: le colonne in cui sono visualizzabili le notizie si sono moltiplicate, consentendo una visualizzazione migliore dei post e delle fotografie (anche a livello di qualità grafica) ed anche una maggiore immersione all’interno del flusso.

I singoli contributi degli amici sono modificabili, dal punto di vista della visualizzazione, ed anche i propri post possono essere ulteriormente arricchiti grazie all’introduzione di una nuova e importante funzione: non sarà più necessario, infatti, personalizzare manualmente ogni singolo articolo con una serie di hashtag precedute dal #, ma sarà lo stesso Google +, dopo un’attenta analisi del contenuto del post, a suggerire le parole chiave più pertinenti al suo contenuto.

Non è però solo la veste grafica ad aver rinnovato il look: anche gli hangouts si sono completamente trasformati. Passando, infatti, da strumenti per videoconferenze a nuovi veicoli di comunicazione e di messaggistica istantanea “universale”, i nuovi hangouts hanno il preciso scopo di diventare, nel futuro, il canale di partecipazione più attivo tra gli utenti, che potranno sfruttarli su tutte le piattaforme e attraverso ogni tipo di device tecnologico -anche mobile-, grazie semplicemente al proprio account di Google. Diventano, quindi, l’elemento comune che fa da tramite ai vari prodotti di casa Google, potendo attrarre potenzialmente nuovi utenti anche all’interno di Google plus o, viceversa, fare da tramite per superare i vincoli rappresentati dal gap esistente tra GPlus e il resto del panorama web. Non per nulla sono stati presentati come strumenti

per portare online le -proprie- conversazioni, su qualsiasi dispositivo o piattaforma

Un’ultima e straordinaria novità riguarda la sezione fotografica. Si sa che da sempre Google Plus ha deciso di puntare sul mondo delle immagini, in primo luogo perchè costituiscono il migliore veicolo di comunicazione tra gli utenti del web, e secondariamente perchè hanno rappresentato fin da subito il vero elemento distintivo del social network di Mountain View rispetto ai propri concorrenti.

All’interno del social di BigG, le immagini più rappresentative potranno essere selezionate e messe in evidenza all’interno degli album (Auto Highlight),  potranno  essere modificate -in caso siano sfuocate o presentino altri piccoli difetti- grazie ad un sistema che consentirà di scegliere la foto migliore all’interno di un piccolo gruppo (Auto Enhance), e potranno persino essere utilizzate per creare piccole e simpatiche animazioni fotografiche (Auto Awesome). Il sistema di Google, inoltre, offrirà la possibilità di effettuare un backup automatico delle immagini, da conservare privatamente e in sicurezza, garantendo fino a 15gb di spazio.

Tutte le modifiche, in parte già presenti, verranno rese completamente disponibili nelle prossime settimane, anche in Italia.

Non ci resta che vedere, sperimentare e commentare.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento