L’anno vecchio ormai sta finendo e quale modo migliore per salutarci se non proporvi un articolo in cui, insieme, facciamo un rapido excursus dei cambiamenti che hanno coinvolto il marketing online e dei nuovi strumenti che sono entrati a fare parte delle nostre vite, come i social network. Facendo un rapido calcolo di quanto sono cambiate le strategie di advertising, ripercorriamo in poche e semplici tappe le rivoluzioni che hanno modificato questo settore e conseguentemente le abitudini di imprenditori e professionisti del marketing.

Il 2011 sta per concludersi e noi abbiamo deciso di fare un bilancio di questo anno per ciò che concerne il digital marketing.

Come più volte abbiamo sottolineato negli ultimi mesi, le strategie e l’assetto del marketing online hanno subito notevoli cambiamenti, tuttora in corso di trasformazione, e che non tarderanno a dare nuove ed entusiasmanti sorprese. Senza andare troppo indietro nel tempo, solo qualche mese fa condividere i propri contenuti o le proprie informazioni con utenti che non fossero registrati su Facebook, ma su altre piattaforme come Twitter o LinkedIn, appariva non tanto impossibile, quanto piuttosto inutile e improduttivo.

Oggi invece queste sono pratiche ormai assodate e destinate, col tempo, a rivolgersi a sempre più utenti, presenti su un sempre maggior numero di piattaforme sociali, con la conseguenza per chi si occupa di digital marketing ( o per chi, come voi, si rivolge a un esperto per pubblicizzare la propria attività in questi termini) di dover necessariamente incrementare il budget di investimento in questo nuovo e crescente settore.

Ma torniamo al nostro bilancio. Lo spunto creativo ce lo offre sicuramente questo infographic dal quale possiamo cogliere svariate e interessanti informazioni. Lo studio, pubblicato da WebMarketing123 si occupa di tracciare l’evoluzione del marketing online, analizzando strumenti considerati classici e tradizionali come il Search Engine Optimization (più comunemente conosciuto come SEO) e le campagne Pay per Click (ppc) ed anche strumenti più rivoluzionari come i social network. Oltre 500 professionisti, appartenenti sia al mondo del B2B sia del B2C, sono stati intervistati e qui abbiamo riportato alcuni dei dati più interessanti emersi nel corso dell’anno 2011.

Sia per chi si occupa di B2B (commercio interaziendale in cui si operano transazioni commerciali digitali che coinvolgono solo imprese) sia per chi si occupa, come magari molti di voi, di B2C (commercio online che distribuisce prodotti o servizi di imprese a consumatori) la novità, che subito salta agli occhi, è l’importanza, sempre più preponderante, riservata ai social network, nel raggiungere gli obbiettivi prefissati. Sebbene infatti il SEO conservi la fetta più grande di investimento in termini di tempo e di speranza di profitto, i social network costituiscono un quarto del successo di una marca o di un prodotto. Una notizia davvero promettente.

Ma il dato davvero interessante ce lo offre quel 55% di imprenditori che hanno concluso affari grazie esclusivamente all’uso dei social. Questo ci fa capire, come più volte abbiamo ribadito, l’importanza che ricoprono nelle transazioni, questi nuovi strumenti, in grado di coinvolgere maggiormente i consumatori, di farli sentire più tranquilli e sicuri nel spendere il loro denaro, con la conseguenza di incrementare notevolmente le vendite di prodotti e/o di migliorare la fama della propria marca o azienda.

Non solo dalla ricerca infatti emerge che quasi tutti gli investitori -in digital marketing- per il 2012 prevedono di aumentare il proprio budget in pubblicità all’interno dei social media, raddoppiandolo rispetto all’anno appena trascorso.

Concludendo, diverse sono le cose che dobbiamo sottolineare.

Innanzitutto, nel corso del 2011, è apparso sempre più rilevante ed importante la presenza dei social network all’interno delle transazioni commerciali; queste infatti sono andate ad aumentare proprio grazie agli investimenti pubblicitari fatti all’interno di suddette piattaforme che pertanto costituiscono la vera ciliegina sulla torta dei propri affari.

Non solo. La loro fetta di mercato è andata via via aumentando nel corso dei mesi, un po’ per l’aumento delle piattaforme sociali su cui essere presenti (dal solo Facebook si è passati a Youtube, Twitter, LinkedIn…), un po’ per la crescita delle registrazioni, e un po’ perché si inizia a prendere più confidenza con queste nuove strategie digitali che, come mai nessun’altra, sono state capaci di coinvolgere i consumatori e di interagire in prima persona con loro. Sono infatti state capaci di rendere aziende e marche davvero interattive, comunicative e a contatto diretto con ciascuno dei propri clienti. Ovviamente SEO e campagne pay per click conservano la loro centralità, costituendo ancora il punto di partenza di ogni buona strategia di marketing e negarlo sarebbe imprudente. Ma certamente la strada dei social network è ancora molto lunga e ricca di sorprese; restate sintonizzati con noi se volete conoscerle tutte e in diretta! Ah e…Buon Digital 2012 a tutti!

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento